Dieta a basso indice glicemico: menu e caratteristiche

menu dieta a basso indice glicemico

La dieta a basso indice glicemico, è perfetta per chi ha bisogno e voglia dimagrire senza rinunciare al cibo ed al gusto.

In questa guida scopriremo insieme, tutto ciò che ti possa essere utile per conoscere al meglio questa dieta e capire se può essere quella giusta per te in base alle tue esigenze.

E’ la dieta ideale, per tutti coloro che desiderano dimagrire ma non vogliono fare il calcolo delle calorie e quindi senza dover per forza mangiare cose che non piacciono.

Quale è il principio della dieta a basso indice glicemico?

Il suo principio è di alimentarsi fino ad essere sazi, ma in modo giusto e intelligente, ovvero distinguendo quei cibi che vengono bruciati dall’organismo da quelli che fanno aumentare il proprio peso.

Non è una dieta di privazione, si dimagrisce in modo duraturo nel tempo.

La dieta a basso indice glicemico o dieta ipoglicemica: ottima per dimagrire

Quello che conta in questa dieta è l’indice glicemico (IG) di qualsiasi alimento e anche la velocità di assimilazione da parte dell’organismo.

La dieta a basso indice glicemico, non ti suggerirà l’esistenza di zuccheri buoni e cattivi ma ti insegnerà a combinarli. Perciò niente paura se stai pensando che farai la fame e non mangerai mai più il tuo dolce preferito, niente di più falso per questa dieta.

Devi sapere che più un alimento presenta glucosio e quindi più ha un indice glicemico alto, superiore a 100, più il tuo organismo tenderà a trasformarlo in grasso.

Se l’indice glicemico dell’alimento è basso e quindi più vicino allo zero, il tuo organismo sarà portato a bruciarlo in poco tempo, favorendo così la perdita di peso.

Vediamo insieme qualche regola da usare per dimagrire attraverso la dieta a basso indice glicemico (IG):

  • Mangia proteine: colazione, cena e anche pranzo potresti mangiare uova, pesce, carne.
  • Limita i carboidrati
  • Includi grassi vegetali sostituendo così quelli animali
  • Privilegia gli alimenti con basso IG ma non smettere di mangiare alimenti contenenti zucchero, attieniti solo alle informazioni che ti daremo sui cibi promossi e vietati
  • Da limitare gli alimenti raffinati
  • Cerca di fare attività fisica almeno 3 volte alla settimana per 1 h

 

Quali sono gli alimenti consigliati dalla dieta a basso IG e quali sono vietati?

Come abbiamo detto, bisogna favorire i cibi con basso indice glicemico e quindi faremo per te una lista-guida di ciò che potrai mangiare senza problemi e anche degli alimenti che dovresti evitare.

Alimenti consentiti con IG basso meno di 55

  • Pasta
  • Pere, mele, arance
  • Lenticchie, fagioli cannellini
  • Uva
  • Cioccolato fondente
  • Yogurt magro
  • Frutti di bosco
  • Carota cruda

Da assumere con moderazione, alimenti con un IG medio 55-70

  • Bibite gassate
  • Fagioli borlotti, piselli
  • Ananas
  • Mais
  • Pizza
  • Marmellata
  • Fiocchi d’avena
  • Pane integrale

Da evitare poiché l’IG è maggiore di 70:

  • Pane bianco
  • Patate a vapore
  • Corn flakes
  • Patatine fritte
  • Purè
  • Riso bianco
  • Carote cotte
  • Biscotti
  • Prodotti di pasticceria
  • Polenta

Un esempio di menù settimanale per la dieta a basso indice glicemico

Colazione a scelta:

  • Proteinica: 100 gr di tofu, un bicchiere di latte di mandorle, 2 frutti, un tè/tisana
  • Colazione abbondante: un uovo, yogurt, 2 fette di pane integrale con margarina, macedonia, un tè e 2 frutti

Lunedì:

Pranzo con: verdure di stagione, pesce al vapore

Merenda con: yogurt e 10 gr di frutta secca

Cena con: lenticchie e verdure accompagnate da una frittata alle biete

Martedì:

Pranzo: verdure a piacere, zucchine con ripieno di tofu e Philadelphia, 50 gr di quinoa con crema di zucchine

Merenda: yogurt bianco con frutti rossi

Cena: insalata verde con pomodori, prosciutto crudo di Parma, una fetta di pane integrale

Mercoledì:

Pranzo: zuppa di zucca al curry, una fetta di pane integrale con formaggio caprino

Merenda: yogurt ai frutti di bosco e una tisana al finocchio

Cena: piselli stufati, una porzione di carote crude, 100 gr di salmone

Giovedì:

Pranzo: merluzzo alle erbette, finocchi al vapore e un dolce alla frutta attenendosi agli zuccheri richiesti dalla dieta e una porzione di nocciole

Merenda: 2 frutti di stagione a scelta

Cena: insalata di riso basmati con verdure di stagione e un uovo sodo

Venerdì:

Pranzo: quinoa con zucchine, zucca e broccoli al vapore, fagioli cannellini con aceto balsamico

Merenda: yogurt alle albicocche e una manciata di mirtilli

Cena: cavolo cappuccio al vapore e speck

Sabato:

Pranzo: una zuppa di piselli, insalata di verdure crude, 50 gr di farro con funghi a scelta con 30 gr di parmigiano reggiano

Merenda: yogurt con pesche e una fetta di pane integrale e 3 quadratini di cioccolato fondente

Cena: insalata verde con petto di pollo al curry e verdure stagionali al vapore

Domenica:

Pranzo: minestrone senza carote, orata al forno, una mela tagliata a spicchi con un cucchiaino di miele

Merenda: yogurt con mirtilli

Cena: pasta al dente 80 gr, funghi alla griglia e 30 gr di parmigiano reggiano

Il menù della settimana può essere variato in base alla stagione e alla verdura disponibile.

NB: nel caso in cui tu soffra di diabete, abbiamo pensato per te una mini-guida apposita, perché sappiamo che chi ha questo problema spesso è svantaggiato nelle diete e non può seguirle in modo continuativo.

Dieta per diabetici

La dieta per le persone che soffrono di diabete è essenziale, per svariate motivazioni:

  • Il livello di zucchero nel sangue, dipende dai carboidrati ingeriti anche se non solo da quelli
  • I grassi vanno controllati per una correzione opportuna della dislipidemia che è spesso frequente nei malati di diabete
  • Le calorie ingerite vanno controllate, in quanto è importante essere normopeso quando si soffre di questa patologia

Ovviamente la terapia dietetica deve essere proposta da un dietologo in base agli obiettivi salutari della persona e a ciò che comunicano le sue analisi.

NB: ogni persona che soffre di diabete ha una dieta particolare da seguire in base al sesso, all’età, allo stile di vita e al tipo di diabete soprattutto. Inoltre la dieta va rivista periodicamente.

La dieta del basso indice glicemico come abbiamo detto prima permette di considerare gli alimenti in base al proprio IG e quindi all’apporto di zuccheri che andremo ad ingerire. E’ un metodo davvero ottimale che permette di fare la propria dose di insulina in base a ciò che andiamo a mangiare.

E’ ovviamente un sistema di pianificazione molto attento e va seguito con impegno, permette comunque una flessibilità nella scelta degli alimenti.

L’attenzione nel caso di diabete va posta sulla tabella alimentare in base all’IG indicato, per capire bene quando e come ingerire zuccheri.

La dieta di un diabetico è solo privazione?

La dieta di una persona che soffre di diabete non è solo privazione, proponendo una dieta a basso indice glicemico, ci sono davvero molti alimenti che si possono consumare senza remore.

Esistono inoltre alimenti, pensati appositamente per mantenere la dieta corretta e concedersi un po’ di gusto zuccheroso in più che non guasta mai nelle giornate uggiose soprattutto.

Potrai trovare dei prodotti pensati per chi soffre di questa patologia, cliccando qui.

 

E’ possibile abbassare la glicemia?

Assolutamente sì, è davvero necessario in alcuni casi. Infatti le persone con alto livello di glucosio nel sangue, rischiano complicanze pericolose dovute all’iperglicemia.

Alcuni sintomi legati e molto fastidiosi dell’iperglicemia possono essere: sete intensa, dolore addominale e conseguente vomito, alitosi, alterazione della coscienza.

Ci sono diverse strategie per abbassare il livello di glucosio nel sangue. Le strategie includono: un regime dietetico appropriato tenendo in considerazione dei valori e degli IG degli alimenti, fare esercizio fisico almeno 3 volte alla settimana e condurre uno stile di vita sano.

Ti consigliamo di usare le strisce di misurazione per la glicemia per avere sempre un’opportuna conoscenza del livello di glucosio nel sangue.

Se sei in carico al centro di Diabetologia, solitamente il SSN ti fornisce tutto il necessario (dispositivo per la lettura e strisce), ma se avessi bisogno di comprarle, potrai acquistarle cliccando qui.

A volte capita che alcune mamme durante la gravidanza soffrano di diabete: è opportune infatti seguire una dieta che tenga in considerazione la patologia e che non danneggi la mamma e il bambino.

Vediamo insieme come funziona la dieta di una mamma diabetica durante la gravidanza.

Dieta per diabete gestazionale

Può capitare che il diabete mellito gestazionale, venga diagnosticato per la prima volta in gravidanza alla mamma, ma spesso si risolve in poco tempo dopo il parto.

Colpisce il 20% delle donne con età superiore ai 35 anni e spesso è conseguente all’obesità pregravidica.

Una delle cause principali per l’insorgenza del diabete gestazionale, è la produzione fisiologica dell’ormone lattogeno placentare che favorisce l’assunzione di glucosio da parte del feto per uno scopo nutritivo che però ha un’interferenza con l’insulina materna.

Quali sono i consigli dietetici da seguire per prevenire questo tipo di diabete?

  • Preferire carboidrati complessi, riducendo gli zuccheri semplici
  • Ridurre il consumo di grassi saturi
  • Evitare alimenti confezionati con conservanti
  • Evitare digiuno prolungato e non saltare mai i pasti
  • Fare pasti completi introducendo il giusto apporto di calorie
  • Cucinare in modo semplice ma sostanziosi, non usufruendo di troppo olio evo
  • Scegliere prodotti di stagione
  • Chiedere consiglio al proprio medico di base per seguire una dieta apposita per la gravidanza che possa rispettare alcuni fabbisogni come: caldo, ferro, acido folico

 

Conclusioni

Quando si sceglie di iniziare una dieta ipoglicemica, è bene informarsi molto sulla quantità degli alimenti e distinguere tra i carboidrati semplici e complessi.

La stessa dieta è consigliata nel caso si abbiano patologie che possono diventare davvero pericolose come il diabete e il diabete gestazionale, piaga di molte donne che durante il periodo della gravidanza vivono un costante stato d’ansia dovuto a questa patologia.

Nel caso di approfondimenti e consigli sui prodotti che è possibile acquistare per questa patologia o per favorire una dieta ipoglicemica, potrai contattare la Farmacia Cairoli.

Gli esperti farmacisti, ti sapranno consigliare al meglio su quali prodotti è bene assumere e ti daranno ottime indicazioni in base alle tue esigenze.

Altri articoli per te:

Farmacia Cairoli logo

VISITA LA NOSTRA FARMACIA - PER TE SCONTI FINO AL 70%