Anziani e raffreddore: prevenzione, rimedi e cura

raffreddore-negli-anziani

Il raffreddore è un malanno tipico dei mesi più freddi dell’anno. Non va sottovalutato, soprattutto quando interessa le persone anziane. 

Il raffreddore è una patologia di origine virale che colpisce le vie aeree superiori (naso, gola, trachea). È estremamente contagioso e, nella maggior parte dei casi, non ha gravi complicazioni. Tuttavia, quando colpisce persone anziane che hanno altre problematiche di salute, in particolare a carico dell’apparato respiratorio, anche un semplice raffreddore può trasformarsi in un disturbo a cui prestare la massima attenzione. In questo approfondimento vedremo quali sono i sintomi del raffreddore, le eventuali complicazioni e le cure. 

 

Il raffreddore negli anziani: cenni generali

 

Il raffreddore è una patologia piuttosto comune, che interessa tutte le fasce d’età. Negli anziani, però, il raffreddore può manifestarsi con sintomi più gravi e persistenti rispetto a quanto accade nei giovani. 

Il raffreddore è causato da una grande varietà di virus (in particolare Rhinovirus, ma anche altri virus, tra cui i Coronavirus). 

I bambini sono i soggetti più colpiti dal raffreddore mentre in età adulta si sviluppa una certa immunità contro la maggior parte di virus responsabili di questa patologia. Gli anziani, allora, dovrebbero essere i soggetti a minor rischio perché maggiormente immunizzati nei confronti dei virus che causano il raffreddore. In parte è così, infatti una persona anziana, in media, soffre di un numero minore di episodi di raffreddore durante l’anno rispetto a quanti episodi di raffreddore possono manifestarsi in un bambino, ma nell’anziano la malattia può persistere più a lungo perché il sistema immunitario è meno efficiente di quello di una persona giovane

 

Raffreddore negli anziani: quali sono i sintomi?

 

Il raffreddore si presenta con alcuni sintomi che sono comuni a quelli delle allergie ai pollini, ovvero:

  • prurito a livello del naso;
  • naso congestionato, “chiuso”;
  • aumento delle secrezioni nasali (“naso che cola”);
  • starnuti;
  • tosse;
  • gola irritata;
  • raucedine;
  • difficoltà respiratorie;
  • sensazione di stordimento;
  • mal di testa. 

 

Tutti questi sintomi non sono provocati direttamente dal virus, ma sono la conseguenza dei meccanismi di difesa messi in atto dal nostro organismo che, attraverso le cellule del sistema immunitario, cerca di debellarlo. Per questo motivo tanti agenti diversi (virus o allergeni) possono causare gli stessi sintomi. Se si sospetta la presenza di allergie si consiglia di consultare il proprio medico per valutare la terapia più adatta per affrontarle. 

 

Cosa succede se non si cura il raffreddore?

 

Quando il raffreddore non viene curato bene o viene trascurato può accadere che alcuni batteri già presenti nel nostro organismo approfittino del generale indebolimento del sistema immunitario provocato dal virus per colonizzare le vie aeree inferiori (bronchi e polmoni), le orecchie, i seni paranasali e la gola. Questi casi sono rari negli adulti che godono di un sistema immunitario efficiente, ma sono più frequenti nei bambini (il cui sistema immunitario è ancora in fase di sviluppo) e negli anziani (il cui sistema immunitario può essere indebolito da altre patologie). Pertanto nei bambini e negli anziani è particolarmente importante tenere sotto controllo i sintomi del raffreddore e supportare la normale funzione del sistema immunitario proprio per evitare che possano svilupparsi bronchiti, polmoniti, pleuriti, sinusiti, laringiti e otiti. Evitare che bambini piccoli e anziani vengano in contatto con persone con il raffreddore permette di ridurre il rischio di contrarre la malattia e quindi di incorrere nelle eventuali complicazioni. L’utilizzo della mascherina chirurgica (o superiore, come la FFP2), lavarsi le mani con frequenza e l’utilizzo di gel disinfettanti permette di ridurre il rischio di contrarre il raffreddore. 

 

Quanto dura il raffreddore?

 

Il raffreddore è una malattia lieve che, nella maggior parte dei casi, si risolve in circa una settimana. Di solito i primi sintomi si manifestano entro 2 o 3 giorni dal contagio, quando si ha il picco massimo della risposta immunitaria. In altre parole quando noi notiamo i sintomi del raffreddore vuol dire che il nostro sistema immunitario sta già utilizzando tutti i suoi strumenti per debellare il virus dall’organismo. Come detto in precedenza: dato che il sistema immunitario di una persona anziana può essere indebolito da eventuali patologie concomitanti, il raffreddore può persistere anche fino a due settimane o favorire la comparsa di bronchiti, polmoniti e altre patologie delle vie respiratorie causate da batteri opportunisti. 

 

Raffreddore negli anziani: cosa succede nell’organismo?

 

Quando un virus del raffreddore infetta una cellula dell’apparato respiratorio l’organismo attiva le difese immunitarie. Questo accade a tutte le età e in tutte le condizioni di efficienza del sistema immunitario dell’individuo infettato da un virus del raffreddore. 

Per prima cosa vengono liberati i mediatori dell’infiammazione (citochine, chinine, interleuchine, prostaglandine) che causano la dilatazione dei vasi sanguigni a livello locale e favoriscono così l’arrivo delle cellule del sistema immunitario (leucociti, macrofagi) nella sede dell’infezione. L’azione dei mediatori dell’infiammazione stimola anche le cellule del naso e delle prime vie respiratorie a secernere una grande quantità di muco, che va a congestionare le vie nasali. 

I mediatori dell’infiammazione attivano anche alcuni riflessi nervosi, tra cui quelli che provocano tosse e starnuti e le fibre nervose responsabili del dolore. 

Nel caso delle persone anziane la durata della risposta immunitaria può essere più lunga rispetto a quella di una persona giovane e con un sistema immunitario in salute. Per evitare le complicazioni correlate al raffreddore è importante seguire alcuni semplici accorgimenti. 

 

Come prevenire il raffreddore negli anziani?

 

Gli accorgimenti per evitare di contrarre il raffreddore sono gli stessi che sono validi a tutte le età: lavare spesso le mani, evitare di portare le mani sporche al naso e alla bocca, evitare i luoghi chiusi e affollati ed evitare i repentini sbalzi di temperatura sono il primo passo per prevenire il raffreddore negli anziani. 

È importante anche prendere le giuste misure di prevenzione in caso di contatti stretti tra persone anziane e bambini. I bambini, specialmente quelli in età scolare, possono entrare facilmente in contatto con i virus del raffreddore e possono portarli in casa, contagiando le persone più anziane e con un sistema immunitario indebolito. Utilizzare mascherine e mantenere il distanziamento aiuta a diminuire anche la diffusione dei virus del raffreddore. 

 

Raffreddore: come rafforzare il sistema immunitario degli anziani?

 

Una alimentazione varia ed equilibrata è il primo passo per supportare nella maniera migliore il sistema immunitario a tutte le età. Consumare le giuste quantità giornaliere di frutta e verdura, in particolare quelle ricche di vitamine B e C e di zinco, permette di supportare la normale funzione del sistema immunitario. In caso di carenza o aumentato fabbisogno di tali vitamine e sali minerali possono essere utili alcuni integratori alimentari utili per supportare le difese immunitarie. In particolare gli integratori con lattoferrina (proteina presente anche nel latte materno che ha una azione antimicrobica) possono essere utili per rafforzare il sistema immunitario delle persone anziane più soggette alla comparsa di patologie di origine batterica (bronchiti e polmoniti) correlate all’indebolimento delle difese immunitarie causato dal raffreddore. 

Tra i rimedi naturali che possono essere utili per supportare le normali funzioni del sistema immunitario ricordiamo anche: 

  • la propoli, presente anche in associazione con vitamina C e zinco in prodotti come Apropos Fluprotect;
  • l’echinacea, pianta la cui radice contiene sostanze utili per favorire il naturale benessere delle prime vie respiratorie. 

Nel caso delle persone anziane che assumono già diversi farmaci per il trattamento di patologie croniche quali diabete, ipertensione, ipercolesterolemia (colesterolo alto nel sangue) o che assumono farmaci anticoagulanti o fluidificanti del sangue si consiglia di consultare il medico o il farmacista prima di assumere integratori o rimedi naturali per rafforzare le difese immunitarie. 

 

Come si cura il raffreddore negli anziani? 

 

Non vi sono farmaci o rimedi naturali che agiscono direttamente contro i virus del raffreddore, ma l’unica terapia per il raffreddore è diretta al trattamento dei sintomi. Soltanto quando si presentano complicazioni a carico delle basse vie respiratorie, quali bronchiti o polmoniti causate da una sovrapposizione di una infezione batterica, allora può essere necessario intervenire con una terapia antibiotica. Pertanto è importante consultare il medico prima di assumere eventuali antibiotici o farmaci ad azione antibatterica.

Se il raffreddore colpisce una persona anziana con il sistema immunitario già indebolito da altre patologie concomitanti è bene sentire il medico per valutare la terapia più adatta per affrontare i sintomi del raffreddore. Nelle persone che assumono farmaci per la cura di patologie croniche, come l’ipertensione, il diabete, il colesterolo alto o che assumono farmaci anticoagulanti, è bene consultare il medico o il farmacista prima di utilizzare farmaci di automedicazione. Il professionista saprà indicare le migliori modalità di utilizzo dei farmaci o dei rimedi naturali utili per curare i sintomi delle malattie da raffreddamento. 

 

Conclusione

 

In questo approfondimento, redatto a solo scopo informativo e le cui informazioni non hanno valore di supporto diagnostico o terapeutico, abbiamo visto quali sono le cause, i sintomi e i rimedi per il raffreddore negli anziani. 

Lo staff della Farmacia Cairoli è a tua completa disposizione per rispondere alle tue domande sugli integratori alimentari che possono essere utili per supportare il normale funzionamento delle difese immunitarie nelle persone anziane o per fornirti maggiori informazioni sul corretto utilizzo dei medicinali di automedicazione indicati per il trattamento dei sintomi del raffreddore. 

Altri articoli per te:

prodotti di make up e beauty routine
Bellezza e Igiene

Makeup routine

Tutte le azioni rivolte alla cura della pelle del viso rientrano sotto la definizione di makeup routine. Mentre, se includiamo anche i trattamenti per i

Leggi l'articolo
trigliceridi-alti-cause-rimedi
Salute e benessere

Trigliceridi alti: cause, sintomi e rimedi

Quando si parla di “trigliceridi alti” si intende una condizione medica conosciuta come ipertrigliceridemia.  L’ipertrigliceridemia indica una elevata concentrazione di trigliceridi nel sangue. In questo

Leggi l'articolo
Farmacia Cairoli logo

VISITA LA NOSTRA FARMACIA - PER TE SCONTI FINO AL 70%